Vai ai contenuti

Congo: Progetti realizzati

Il Congo è uno dei Paesi potenzialmente più ricchi d’Africa, soprattutto per i metalli utilizzati per le tecnologie più avanzate: coltan, tantalio, litio, cobalto e ancora diamanti, oro, argento, uranio e rame.. La maledizione di questo Paese è proprio la sua immensa ricchezza. Per questo, oggi, il Congo è un Paese destabilizzato in preda a massacri, saccheggi, espropriazioni, uccisioni, violenze, soprusi, malnutrizione e fame.

LA MATERMITA' A MITENDI
anno 2014. A Mitendi le suore del Sacro Cuore hanno iniziato un servizio di Maternità per le mamme del villaggio che, diversamente, dovrebbero raggiungere l'ospedale della città, distante 20 chilometri, senza strade e senza mezzi di trasporto, con i rischi che si possono facilmente intuire.
Sono tanti i progetti in atto, e tutti in sintonia con lo spirito della nostra Associazione da sempre attenta e protesa verso il dono della Vita, l'istruzione, gli aiuti sanitari, la promozione della donna.
Il coraggio, l’impegno e la dedizione delle missionarie del Sacro Cuore  ci sono di stimolo per spiegare le vele verso questa nuova avventura e, ai bambini che dalle foto ci guardano con i loro occhioni sgranati regalandoci il loro timido sorriso, vogliamo dire:
Ci avete rubato un pezzo di cuore!

Gennaio 2015
Dalla Madre Generale delle suore del Sacro Cuore una lettera di ringraziamento per i primi aiuti inviati alle loro missioni del Congo: Mitendi, Kinshasa, Neisù, Isiro, Mont Ngafula. E' doveroso condividerla con voi che ci date modo di sostenere i loro progetti.
Grazie del vostro generoso contributo e del vostro desiderio di aiutare la nostra Missione. Il lavoro delle nostre sorelle missionarie continua con fedeltà, tra il Dispensario e la Maternità, (circa venti nascite al mese) il Centro Nutrizionale, (25 bambini malnutriti seguiti al Centro e poi in famiglia) i poveri di tutti i giorni e la scuola dell’infanzia con circa 400 bambini nei due plessi di Mont Ngafula e Ngudi Baka. l vostro interessamento e la vostra partecipazione alla vita della Missione sono molto importanti e insostituibili; questo vostro desiderio di aiutare, di condividere la vita e la situazione degli altri, in particolare l’avventura delle nostre sorelle missionarie è molto bello e costruttivo, perché sostiene i bambini, le loro famiglie e i missionari e le missionarie che vivono e lavorano con loro e per loro. Vi ringrazio ancora della disponibilità e vi saluto cordialmente, assicurando la preghiera mia e della mia comunità religiosa per tutti quelli che vi aiutano a sostenerci. Vi auguro tanto bene.            Madre Eliana Stucchi                                                                                    

I primi interventi in Congo dell’Associazione Gianluca Felici a cui si riferisce la Madre sono stati mirati all’acquisto:

  • dell’ecografo per monitorare la posizione del feto;

  • di un serbatoio per l’acqua indispensabile in un polo sanitario;

  • delle pile del gruppo elettrogeno e dei pannelli solari per caricarle, tutto indispensabile per il funzionamento dell’ecografo e per gli interventi notturni;

  • di letti e materassi per la maternità di Mitendi;

  • di materiale sanitario di facile consumo come siringhe, garze, disinfettanti ecc.

Le batterie per il gruppo elettrogeno
La casetta dove è montato il gruppo batterie alimentate da pannelli solari posizionati sul tetto.

L'ecografo
I primi aiuti sono arrivati a destinazione e le suore missionarie ci scrivono per metterci al corrente sull’utilizzo dei contributi:
Kinshasa - Carissimi, andiamo un po’ a rilento ma finalmente riusciamo ad inviarvi la documentazione (foto e fatture) per i progetti da voi sostenuti. Finalmente abbiamo un nuovo serbatoio dell’acqua per il dispensario;  il nostro ecografo e con le nuove batterie che ci avete dato la possibilità di acquistare abbiamo anche l’autonomia e la sicurezza per farlo funzionare. L’eccedenza della donazione la stiamo utilizzando per aiutare le mamme in gravidanza, pensiamo anche di riuscire a inviare ancora una infermiera-ostetrica a specializzarsi per usare con competenza l’ecografo. Ancora una volta grazie di cuore a tutti.
Suor Giliola, suor Tiziana e suor Germain.
CENTRO NUTRIZIONALE
A Mitendi un nuovo angolo di speranza per i bambini malnutriti.
Anno 2015. I bambini di Mitendi sono tanti, poveri e malnutriti. La malnutrizione è una costante dei bambini poveri di tutte le parti del mondo in quanto la loro alimentazione non prevede variazioni di cibo e di sostanze in grado di dare all'organismo tutto ciò che serve per il suo sviluppo armonico. Spesso il loro vitto quotidiano è costituito esclusivamente di farinacei o di riso o di legumi, o di frutta. Spesso mancano le proteine della carne e del pesce, le vitamine, il calcio e tutti gli elementi indispensabili ad una sana crescita. Le suore del Sacro Cuore missionarie in Congo ci lanciano il loro SOS: serve una struttura dove prendersi cura dei piccoli con seri problemi di alimentazione e di crescita.
Hanno a disposizione un casolare molto datato perciò completamente diroccato, e ci propongono di ristrutturarlo per farne un Centro Nutrizionale. Naturalmente siamo ben ben felici di dare il nostro aiuto. Come si può vedere, il casolare abbandonato, grazie al contributo inviato dalla nostra Associazione, completamente ristrutturato, è messo in sicurezza e rimesso a nuovo divenendo il Centro Nutrizionale.
Quì un giorno alla settimana, a turno, gruppi di bambini consumano un pasto con farine integrate, vitamine e calcio. Ritornando a casa, portano con sè una sporta con il vitto per i restanti giorni della settimana, di modo che la cura possa continuare anche a "casa".
Nonostante la struttura sia accogliente e funzionale, i letti sono ancora vecchi e arrugginiti per via del clima molto umido soprattutto di notte, ma abbiamo inviato il denaro nel mese d'agosto per sostituirli al più presto con letti e materassi nuovi.

Il casolare come era ...
... e dopo il nostro intervento
Torna ai contenuti