Camerun: progetti di utilità sociale realizzati dall'Associazione Gianluca Felici - Associazione Gianluca Felici Onlus

Vai ai contenuti

Menu principale:

Camerun: progetti di utilità sociale realizzati dall'Associazione Gianluca Felici

Progetti realizzati

In Camerun:

POZZO A MATOMBE

Anche il nostro primo intervento in Camerun, nelle missioni delle suore dorotee, è stato di carattere sociale. Nella missione di Matombe manca l’acqua, i luoghi dove è possibile attingerla sono molto lontani e i mezzi di trasporto inesistenti. Occorrono braccia e gambe forti per trascinare secchi e bidoni per chilometri su strade polverose… Non ci resta che scavare un pozzo per la gioia di tutto il villaggio…
Come potete notare dalle foto, funziona a pompa; in compenso, però, è in grado di di servire l'intero villaggio. D'altro canto, l'elettricità è un lusso improponibile in buona parte del Camerun.
In tutte le nostre iniziative, ci serviamo sempre di manodopera locale che riusciamo a retribuire con un adeguato salario o con beni di conforto.

Il pozzo di Matombe


- CORSI DI TAGLIO E CUCITO
Un sospiro di sollievo e una speranza, tra fruscii di stoffe colorate, gomitoli e matasse di fili che fanno da cornice all’inaugurazione del nuovo corso di taglio e cucito.

Sono le stoffe che i Sigg.ri Lucia e Giuseppe Antonetti, costretti a chiudere il loro prestigioso negozio di tessuti, ci hanno donato  e che abbiamo consegnato alle nostre suore Dorotee delle Missioni di Albania, Brasile e Camerun.

Stoffe di vario tipo, più leggere e più pesanti, più resistenti e più fruscianti, più colorate e più classiche che provengono dalla catena di solidarietà che sostiene il nostro operato. Le abbiamo divise secondo la consistenza e le diverse necessità per inviarle alle missioni che per motivi climatici si coprono diversamente. Anche in Camerun, come già in Albania, le suore avviano corsi di taglio e cucito che si articolano in lezioni teoriche e pratiche e, nel giro di qualche settimana, assicura suor Judith, “tutte le alunne sono già in grado di realizzare una gonna, scegliendo un modello tra quelli studiati”.

Per le donne di Eseka, il corso di taglio e cucito rappresenta una grossa opportunità: è una possibile alternativa alla miseria, alla prostituzione e alla strada; è un’occasione per cominciare ad emanciparsi dalla condizione di subordinazione all’uomo e per riaffermare la propria autonomia e dignità di persone.
E poi è anche un piacevole momento di incontro, un modo per stare insieme e confrontarsi, forse raccontandosi, come solo le donne sanno fare, forse crescendo insieme. Immagini come queste sprigionano un’antica magia, sembrano scivolate dai fotogrammi della memoria: sanno di ricordi e di racconti, di corredi pazientemente ricamati, di confidenze scambiate in un sussurro…

Invece, per loro, per le donne del laboratorio di Eseka, questa è l’attesa di un futuro migliore.

- DISPENSARIO MEDICO

A Matombe, interveniamo provvedendo alla ristrutturazione del dispensario medico, lo riforniamo di letti e materassi per rendere più confortevole la degenza dei ricoverati, lo arrediamo con mobili idonei e con quanto è necessario per fornire cure di primo intervento. Inoltre garantiamo le medicine necessarie per curare 20 ammalati di AIDS per un anno. Ora gli ambienti hanno un aspetto più igienico e confortevole e la gente che arriva da lontano, spesso dal cuore della foresta, rimane stupefatta nel trovare qualcuno disposto ad assisterla. Infatti per molti uomini, donne e bambini che vivono in questa regione, il piccolo dispensario è quasi sempre l'ultima spiaggia, l'estremo punto di approdo della loro sofferenza. Vengono da lontano guidati dalla speranza...

Il dispensario medico
 
Torna ai contenuti | Torna al menu